Taping neuromuscolare, a cosa serve e come funziona

taping neuromuscolare

 

Il taping neuromuscolare è una tecnica che aiuta a ridurre i fastidi tramite l’applicazione di un nastro adesivo appositamente studiato,  ecco che come funziona

Tape o Taping neuromuscolare. Un’innovazione che permette di curare al meglio ogni problema. Il taping  neuromuscolare è pensato appositamente per poter lenire i fastidi grazie alla stimolazione cutanea. Sicuramente avrete fatto caso a qualche runner che corre con delle strisce di nastro adesivo colorato sui musocoli e articolazioni. Quei nastri non sono altro che particolari bendaggi adesivi. Non rilasciano alcuna sostanza dopante o farmacologica, quei cerotti soprattutto nei trattamenti antidolorifici sono altri e li tratteremo in un altro articolo.

Il tape, o taping, neuromosculare consiste quindi in stimolazioni continue date dai bendaggi appoggiati sulle parti interessate. Durante il gesto o l’azione atletica il cerotto produce un’azione sulla pelle che va a migliorare la circolazione sanguigna e linfatica attraverso le fasce muscolari.

Dopo quanto tempo si vedono i benefici della corsa

Questi particolari bendaggi alleviano lo sforzo e la fatica, poichè influiscono sui recettori dei muscoli che mandano il segnale di stanchezza o sofferenza al cervello. E’ molto utilizzato nella fase post infortunio, poichè velocizza il processo di recupero ma spesso lo vediamo anche utilizzato da sportivi che ne fanno uso durante il gesto atletico. Vengono applicati dai professionisti della medicina dello sport poichè va applicato con conoscenza e precisione, spesso in posti poco accessibili. Se i bendaggi vengono applicati da voi stessi e non siete un esperto fisioterapista o medico dello sport mal che vada non servirà a niente. Se volete approfondire la conoscenza in materia e migliorare l’appplicazione e avere tutte le informazioni a riguardo consigliamo la lettura di ‘Taping neuromuscolare. Dalla teoria alla pratica’ di David Blow, una garanzia nonché un guru mondiale sul massaggio attraverso il taping neuromuscolare.