Parli sempre di corsa di Linus, la recensione

Parli sempre di corsa

Parli sempre di corsa di Linus, all’anagrafe Pasquale Di Molfetta, famoso conduttore, autore e direttore artistico di Radio Deejay, è un libro che trasmette passione. Un libro veloce e leggero, neanche 100 pagine, ma che sanno trasmettere la passione più pura per questo nobile sport, la corsa.

Parli sempre di corsa, un testo di passione

Molti appassionati di running si rivedranno nelle parole del capo di Radio Deejay. Non c’è nessun male a parlare sempre di corsa. Linus in questo libro lo fa con spirito coinvolgente e aggregante. Non bisogna fraintendere il messaggio che arriva dal testo, non è un libro sulla corsa, per questo ci sono i manuali e libri scritti dai professionisti del running. Parli sempre di corsa risulta un libro intimo e appassionato, personale e delicato con cui l’autore parla di cosa si vive praticando questo sport.

Ci porterà sulle strade di New York raccontandoci le fatiche, le paure, le sofferenze e anche la gioia infinita di correre questa gara mitica. Qui Linus sarà uno dei tanti quattromila italiani presente e correrà fianco a fianco tra persone provenienti da tutto il mondo.

Ci accompagnerà per mano nell’intimità del runner, svestendo i panni del conduttore radiofonico di successo. Il rito della preparazione, la concentrazione, il silenzio, lo studio dell’alimentazione e delle tabelle. Sarà come correre virtualmente con lui quando ci consiglierà la musica per l’i-pod o le funzioni del cardiofrequenzimetro. Ci farà anche osservare la corsa sotto a un altro punto di vista, quello della sopravvivenza, con i racconti del Kenya, la terra degli uomini antilope.

[amazon_link asins=’8804596821′ template=’ProductCarousel’ store=’runningteam-21′ marketplace=’IT’ link_id=’3c13394d-f972-11e7-80e1-7341708c04f0′]

Un libro leggero, pieno di passione, coinvolgente e divertente che ci fa conoscere il mondo di un runner come tanti di noi. Puoi leggere un estratto a questo link direttamente su Amazon.

Correre o morire di Kilian Jornet, la recensione

Loading...